Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Scarsella: “Siamo al Vicenza, non si può vivacchiare in C con questa maglia”

Il nuovo centrocampista biancorosso si è presentato alla stampa, parlando di obiettivi e non solo

“Quando ho sentito dell’interesse del Vicenza e per me, non poteva mai essere considerato un passo indietro vista la storia della società, la tradizione e l’ambizione della proprietà e della piazza. Non è un passo indietro per la categoria, anzi. Mi sono lanciato in questa nuova avventura, senza proclami. Sappiamo di dover fare un campionato importante e di riaccendere l’entusiasmo, che comunque vedo, ma è normale che dopo una retrocessione ci sia qualche scoria. Stiamo lavorando tantissimo e duramente perché sappiamo che il campionato di serie C è lungo e difficile”. Sono queste le prime parole ufficiali di Fabio Scarsella, arrivato dal Modena.

Con i canarini il nuovo centrocampista del Lane ha centrato la promozione in B: “Non c’è una giusta, si devono incastrare tante situazioni – ha detto -. Sacrificio, rispetto e gruppo non possono mancare. Qui ci sono tutte le possibilità per fare bene, siamo chiamati a fare un campionato importante. Siamo al Vicenza e non è che possiamo pensare di vivacchiare in Serie C con questa maglia addosso. Però è un girone molto più difficile rispetto all’anno scorso  e ci sono tante squadre che si stanno rinforzando (Pordenone, Padova, Triestina, Feralpi e Novara stanno allestendo formazioni competitive), ma la corsa la dobbiamo fare su noi stessi”.

Riguardo al sistema di gioco di Baldini, Scarsella ha commentato: “Il Mister ci chiede di attaccare con tanti uomini e finalizzare l’azione. Noi siamo a sua completa disposizione perché non possiamo fare altro che seguire le indicazioni dell’allenatore e mettere in pratica le sue idee. Dobbiamo mettercela tutta. Siamo una squadra nuova e non abbiamo tanto tempo. Sto vedendo da parte di tutti i miei compagni la predisposizione al lavoro. Lavoriamo molto bene, con entusiasmo. È un ambiente bello. Il Menti? Sono venuto qui da avversario ed era sempre pieno. E’ uno stadio che trascina ma dobbiamo essere noi bravi a portare il pubblico dalla nostra parte. Il pubblico è fondamentale, soprattutto nei momenti difficili”.

Il centrocampista ha poi concluso descrivendo le sue caratteristiche, a partire dalla propensione al gol: “Sono un giocatore di corsa che cerca di recuperare più palloni possibili e trovare il varco giusto per aiutare la squadra anche in zona gol. Poi negli ultimi anni ho avuto anche fortuna, perchè ci vuole. Il mio contributo deve anche essere quello di aiutare i giovani ad inserirsi, visto che ormai sono un giocatore esperto. A me non interessano i miei obiettivi personali, io sono disposto a rinunciare ai miei gol per l’obiettivo del Vicenza“.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti